Politica

Carenza di lavoratori stagionali, Fazio (Pd): «Non è questione di voglia, ai giovani dobbiamo offrire condizioni di lavoro migliori. Convocati sindacati e categorie economiche»

È il momento di confrontarci seriamente sul futuro modello di sviluppo economico.

Carenza di lavoratori stagionali, Fazio (Pd): «Non è questione di voglia, ai giovani dobbiamo offrire condizioni di lavoro migliori. Convocati sindacati e categorie economiche»
Politica Prato, 29 Giugno 2022 ore 12:32

Nelle ultime settimane le cronache nazionali e il dibattito pubblico si sono concentrati sulle difficoltà delle imprese del commercio e del turismo nel reperimento del personale. Alcune forze politiche hanno voluto ricercare la causa di queste difficoltà in una presunta indolenza di lavoratrici e lavoratori, perlopiù giovani, a sua volta scaturita o alimentata dall’esistenza del Reddito di Cittadinanza.

Questa visione strumentale non tiene volutamente conto delle condizioni di lavoro offerte, troppo spesso insufficienti dal punto di vista economico e non adeguate sul piano dei diritti, dei ritmi lavorativi, del carico di lavoro e della sicurezza. È una generazione a cui sono tolte prospettive e garanzie, in virtù di una logica del sacrificio senza ricompense, rassegnati a competere ribasso tra loro per tutele e diritti. Sono giovani lavoratori che si trovano senza alternative a condividere tra loro esperienze di occupazioni che non consentono una vera indipendenza economica, né di avere abbastanza tempo per coltivare altri aspetti della loro vita. Si tratta per la gran parte di persone che entrano nel mondo del lavoro dopo un intero percorso di studi, che si pagano questo percorso attraverso lavori stagionali o saltuari, oppure che cercano un impiego dignitoso senza qualifiche altamente professionalizzanti. Nessuna di queste categorie è più disposta ad accettare una precarietà priva di prospettive e stipendi inadeguati.

È il momento di confrontarci seriamente sul futuro modello di sviluppo economico che immaginiamo a Prato. Per noi del Partito Democratico questo si realizza solo mettendo al centro la tutela e il benessere dei lavoratori e delle lavoratrici, con un vero e proprio piano per la buona occupazione in cui siano coinvolti tutti i soggetti interessati. È urgente cambiare passo e aggredire il problema con più forza, e lo faremo insieme ai sindacati e alle categorie economiche: creeremo un percorso di confronto che coinvolga anche i giovani lavoratori e le istituzioni allo scopo concreto di stipulare un patto politico e collettivo per la salvaguardia dei diritti economici e della dignità lavorativa nel mondo del commercio e del turismo. Non basta solo la risposta sindacale, la lotta per i diritti di chi lavora ha bisogno ora di una risposta politica forte in cui tutti si assumano le loro responsabilità. Iniziamo da qui per avviare un percorso permanente su tutti i settori.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter