Economia

Patto per lo sviluppo sostenibile, la firma di 28 aziende del territorio

Siglato il protocollo d’intesa tra Comune e imprese per ridurre le emissioni di Co2

Patto per lo sviluppo sostenibile, la firma di 28 aziende del territorio
Economia Prato, 15 Dicembre 2022 ore 18:45

Sono 28 le prime aziende firmatarie del Patto per lo sviluppo sostenibile del territorio di Calenzano. Ieri la firma del protocollo d’intesa tra i rappresentanti delle imprese e il sindaco Riccardo Prestini, con cui si intende collaborare, ognuno per il proprio ruolo, per favorire un percorso di transizione ecologica e lotta ai cambiamenti climatici nel territorio, attraverso iniziative e azioni utili al raggiungimento degli obiettivi di riduzione delle emissioni entro il 2030 previsti dal Piano di azione per l’energia sostenibile e il clima (PAESC) del Comune di Calenzano, nell’ambito dell’Agenda europea per lo sviluppo sostenibile. Presente per l’amministrazione comunale anche l’assessore all’Ambiente Irene Padovani.

Tra le firmatarie del protocollo ci sono piccole, medie e grandi aziende, dei settori meccanica, chimica, metallurgia, laser, ristorazione, gestione rifiuti, trasporti e logistica, moda, comunicazione.

“Partiamo concretamente con il percorso – commentano il sindaco Prestini e l’assessore Padovani – che vuole coinvolgere in maniera attiva le imprese per definire strategie e azioni da mettere in campo per raggiungere gli obiettivi europei di neutralità climatica. Siamo soddisfatti che queste aziende abbiano risposto all’appello del Comune, manifestando spiccata sensibilità verso la sostenibilità ambientale in ambito produttivo, e siamo convinti che durante il percorso potranno aderire anche altre realtà”.

Le azioni di coinvolgimento delle aziende saranno finalizzate all’adozione da parte delle imprese di azioni utili alla riduzione di CO2 nel territorio di Calenzano, ad esempio interventi in green building sulle unità produttive, di efficientamento energetico, di utilizzo di energia da fonti rinnovabili, di utilizzo di combustibili alternativi nei processi produttivi, di introduzione di modelli organizzativi per la transizione ecologica e la riduzione dell’impronta di carbonio, attivazione di percorsi di economia circolare, attivazione di programmi per la mobilità sostenibile di merci e di persone.

Le aziende partecipanti al percorso saranno coinvolte in webinar formativi e tavoli di lavoro tematici a partire da febbraio (tre i temi individuati: energia e risorse, mobilità sostenibile ed economia circolare) e saranno informate sulle opportunità di finanziamenti e agevolazioni per la transizione ecologica.

Il percorso per il Patto per lo sviluppo sostenibile, in cui il Comune è affiancato dal partner tecnico ICStudio Management consulting, è aperto a ulteriori adesioni da parte delle imprese del territorio interessate.

Seguici sui nostri canali