Cultura

Carmignano, dopo tre anni torna la Festa di San Michele

Appuntamento il 29 settembre, 1 e 2 ottobre con le sfilate del Teatro in strada e il Palio dei ciuchi dell’edizione 2022.

Carmignano, dopo tre anni torna la Festa di San Michele
Cultura Carmignano, 05 Settembre 2022 ore 16:56

La Festa di San Michele a Carmignano (PO) torna dopo tre anni di assenza. È infatti dal settembre 2019, a causa della pandemia di Covid 19, che i quattro rioni del paese alle pendici del Montalbano non scendono in piazza Vittorio Emanuele II per sfidarsi a colpi di Teatro in strada e del Palio dei ciuchi. Il 29 settembre e l’1 e 2 ottobre, dopo due edizioni di stop, con il San Michele 2022 si rinnova finalmente la tradizione e i rioni Bianco, Celeste, Giallo e Verde tornano a darsi battaglia in onore del santo patrono San Michele Arcangelo. Per la gioia dei carmignanesi e di tutti coloro che vivranno uno spettacolo ricco di magia e suggestione.

«Il legame dei carmignanesi con il San Michele è profondo – spiega Gianni Nicolosi, presidente del Comitato Organizzatore per i Festeggiamenti del San Michele –, ha a che fare con le proprie radici e con quel senso di comunità che, nei decenni, a Carmignano non è andato perduto. Per questo dover rinunciare alla festa nei due anni passati è stato un grande dispiacere, per i carmignanesi ma anche per le centinaia di persone che ogni anno si emozionano grazie a questa manifestazione. Ma adesso siamo pronti a ripartire, ed è una ripartenza che, dopo il periodo buio della pandemia, ha il sapore di una rinascita».

L’edizione 2022 della Festa di San Michele a Carmignano è stata presentata la mattina di lunedì 5 settembre a palazzo Banci Buonamici, sede della Provincia di Prato. Nell’occasione il presidente della Provincia ha sottolineato come in tutti i Comuni dell’area provinciale quest’anno si siano rimesse in moto le macchine organizzative degli eventi storici, che mantengono viva la tradizione dando risalto positivo a tutto il territorio. Ha evidenziato inoltre come il San Michele sia una delle feste più caratteristiche, che prima della pandemia attraeva moltissimi visitatori anche dai territori limitrofi, con la certezza che anche quest'anno i partecipanti torneranno numerosi per assistere a questo grande evento. Il sindaco di Carmignano ha invece sottolineato come sia grazie al lavoro assiduo dei rioni, che non si sono mai fermati neanche in questi due anni di pandemia, che la manifestazione è potuta ripartire. Ha evidenziato inoltre come il San Michele, evento che il Comune sostiene con forza anche quest'anno, sia una festa che attraverso la storia di Carmignano riesce a lanciare dei messaggi universali

L’appuntamento è per giovedì 29 settembre, giorno di San Michele, alle 21.30, in piazza Vittorio Emanuele II, con il debutto delle sfilate del Teatro in strada. Si replica poi sabato 1° ottobre, sempre alle 21.30, e domenica 2 ottobre alle 16. Ciascuno dei quattro rioni porterà “in scena” una storia che, per regolamento (pena l’esclusione dalla competizione), ha a che fare con Carmignano: quattro rappresentazioni diverse che hanno in comune un linguaggio unico, fatto di musica, recitazione, coreografie, costumi, suoni, colori e la presenza dei carri. Il tutto realizzato dalle mani dei rionali, attraverso mesi di lavoro come volontari nei cantieri. Centinaia le comparse che ogni anno calcano il “palcoscenico” della piazza, per raccontare quattro storie il cui tema rimarrà segreto fino alla prima serata della manifestazione. Noti soltanto i titoli e qualche indizio.

Il rione Celeste porterà in piazza “Uno nove quattro quattro”. “Un tenue filo di luce” è invece il titolo della sfilata del rione Bianco, mentre Il rione Verde presenterà “Ali di polvere”. “Come lacrime nella pioggia” è infine il titolo che il rione Giallo ha dato alla sua sfilata per il San Michele 2022. A valutare le performance sarà una giuria di esperti, composta da cinque diversi giurati per ognuno dei tre appuntamenti. Solo l’ultima giornata della festa si sapranno i voti ricevuti da ciascuna sfilata e dunque quale sarà il rione vincitore, che sarà premiato alla conclusione della manifestazione con il trofeo del San Michele, offerto per questa edizione dalla Pro Loco di Carmignano.

Al termine delle quattro sfilate, ad ogni appuntamento della festa si corre poi il tradizionale Palio dei ciuchi: quattro fantini, uno per rione, montando a pelo i propri ronzini, percorrono quattro giri della piazza. Il fantino che arriva per primo deve sfondare con le mani un cerchio di carta posto al traguardo. Alla fine delle tre giornate, il fantino che ha totalizzato il punteggio maggiore conquista l'ambito Palio, offerto quest’anno dal gruppo Tirrenia Trucks e Truck Service. Prima delle sfilate di sabato e domenica, in programma anche il corteggio storico e l’esibizione del Gruppo Storico di Carmignano e della compagnia “Arcieri del Barco Reale”.

Venerdì 30 settembre poi, tra le novità di questa edizione del San Michele, a partire dalle 21 si terrà una grande festa in piazza, ad ingresso gratuito, per festeggiare tutti insieme il ritorno del San Michele. “Balla coi Ciuchi” il titolo dell’evento, organizzato dai quattro rioni e animato dalla musica live della rock band Sticamecoparde.

Il biglietto di ingresso per il San Michele, acquistabile direttamente all’entrata della festa, ha un costo di 8 euro (è invece gratuito per i bambini sotto i 12 anni, i disabili e un accompagnatore). È possibile acquistare anche il posto a sedere in tribuna, al costo di 15 euro, non comprensivi del biglietto d’ingresso (ai portatori di handicap sarà riservata una postazione dedicata), in occasione della prevendita che si terrà il 27 settembre, alle 20.30, nella sala consiliare del Comune di Carmignano (i numeri per la fila saranno distribuiti alla sede della Pro Loco, in piazza Giacomo Matteotti 31, a partire dalla mattina dello stesso giorno). Gli eventuali biglietti rimanenti saranno venduti nei giorni del San Michele, fino ad esaurimento. Novità di quest’anno, sono disponibili anche abbonamenti per l’ingresso alle tre giornate della festa (non comprensivo del posto in tribuna): il costo è di 6 euro per i residenti nelle vie rionali e per i figuranti, di 15 euro per tutti gli altri. Gli abbonamenti saranno in prevendita alla Pro Loco di Carmignano nelle settimane precedenti la festa, dal martedì al venerdì dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 15 alle 18.30, il sabato e la domenica dalle 9 alle 12.30.

«Ripartire dopo due anni di inattività non è stato facile – spiega il presidente del Comitato Nicolosi –. C'è voluto tutto il coraggio e la determinazione dei rionali per restituire il San Michele ai carmignanesi. Ci sono state notevoli difficoltà burocratiche con normative che in questi anni sono cambiate e che hanno portato un considerevole aggravio dei costi, così come un fisiologico aumento dei prezzi dei materiali e dei servizi necessari alla realizzazione della nostra manifestazione. Per questo motivo i rioni hanno dovuto prendere la decisione di chiedere un piccolo contributo, praticamente simbolico, anche ai residenti nelle vie rionali per l’ingresso all’area della festa, tramite un abbonamento del costo di 6 euro, complessivo per tutte e tre le sfilate. Ringraziamo tutti fin da ora per la comprensione e per il contributo alla realizzazione e al nuovo inizio del San Michele».

Nell’area della festa saranno presenti stand gastronomici. Le consumazioni, altra novità dell’edizione 2022 del San Michele, potranno essere effettuate acquistando alla cassa dedicata gli appositi gettoni, chiamati “ciuchini” in onore dell’animale simbolo della festa, da presentare poi agli stand.

Per motivi di sicurezza, non sarà consentito introdurre all'interno dell'area della festa oggetti di vetro e lattine. Nelle giornate della festa sarà disponibile un servizio di bus navetta gratuito – dalle 19.30 alle 1 giovedì 29 settembre e sabato 1 ottobre, dalle 14 alle 22 domenica 2 ottobre – con partenza da La Serra e da Seano (nei pressi del Parco Museo Quinto Martini), dove si trovano i parcheggi scambiatori (non sarà possibile salire in paese in auto).

La manifestazione è organizzata dal Comitato per i Festeggiamenti del San Michele, con il patrocinio e il contributo del Comune di Carmignano e della Regione Toscana e il patrocinio della Provincia di Prato.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter