Cronaca
Prato

La droga nel guardaroba: arrestato dai Carabinieri un cinese incensurato con 4,5 chilogrammi di Marjiuana 

Il corposo narcotico sequestrato, per un valore di mercato all’ingrosso di circa 40 mila euro, non è fra quelli prediletti dall’utenza asiatica.

La droga nel guardaroba: arrestato dai Carabinieri un cinese incensurato con 4,5 chilogrammi di Marjiuana 
Cronaca Prato, 20 Agosto 2022 ore 13:51

La droga nel guardaroba: arrestato dai Carabinieri un cinese incensurato con 4,5 chilogrammi di Marjiuana 

Nel pomeriggio di Ferragosto Carabinieri della Sezione Radiomobile del Comando Compagnia, durante uno dei tanti controlli di routine presso attività ricreative gestite da cittadini cinesi, rinvenivano un modesto quantitativo di marijuana.
Le immediate ed accurate verifiche sui presenti consentivano di individuare un appartamento condiviso fra alcuni degli astanti circostanza che suscitava sospetti sui militari che decidevano di vederci più chiaro.

Fondamentale la perquisizione a casa

La conseguente perquisizione presso quell’abitazione posta in un anonimo condominio della periferia nord della città, consentiva di rinvenire il grosso quantitativo di marijuana che il trentenne H.Y. custodiva, all’interno di diversi sacchetti sottovuoto per materiale tessile, all’interno dell’armadio della camera di sua esclusiva pertinenza.

L’ingente quantitativo, indicato anche dal P.M. Dott.ssa Valentina Cosci nella presentazione dell’arrestato al dibattimento per direttissima davanti al Tribunale di Prato, non era sufficiente a trattenere l’incensurato cinese in carcere, infatti allo stesso veniva applicato il Divieto di Dimora nel comune di Prato, misura che sembra comunque tutelare, per il momento, questa comunità da un’ulteriore presenza criminale.

Il corposo narcotico sequestrato, per un valore di mercato all’ingrosso di circa 40 mila euro, non è fra quelli prediletti dall’utenza asiatica che si concentra quasi esclusivamente sulla ketamina o lo shaboo, potrebbe rappresentare un principio di cambio di rotta o magari un allargamento del mercato fuori dai confini etnici

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter