Cronaca
Siccità e crisi idrica

Biffoni al ministero: "Abbiamo un potenziale di 10 milioni di metri cubi d'acqua utilizzabili ma mancano le autorizzazioni"

Biffoni al ministero: "Abbiamo un potenziale di 10 milioni di metri cubi d'acqua utilizzabili ma mancano le autorizzazioni"
Cronaca Prato, 14 Luglio 2022 ore 15:34

Il contesto critico generatosi negli ultimi mesi con il protrarsi, per un periodo eccezionalmente lungo, dell'assenza di precipitazioni ha esortato i Comuni toscani ad impegnarsi per far fronte alla attuale crisi idrica. Oltre alle campagne di sensibilizzazione per ridurre i consumi di acqua, i Comuni della Regione Toscana - che ha dovuto dichiarare lo Stato d'emergenza come altre regioni italiane - stanno adottando ordinanze per contenere usi impropri della preziosa risorsa idrica.

Il sindaco Matteo Biffoni, che ha già firmato un'ordinanza con ad oggetto la razionalizzazione del consumo di acqua potabile, ha fatto recapitare una lettera al Ministero della Transizione Ecologica, per sollecitare il Governo a pianificare interventi che affrontino il contesto critico anche valutando la possibilità di sfruttare tutte le risorse idriche già a disposizione. In particolare, Biffoni chiede di individuare limiti e condizioni per riutilizzare l'acqua di riciclo, cercando di elaborare modalità per incentivare uso e produzione di acqua di riuso.Prato potrebbe sfruttare fino a 10 milioni di metri cubi annui (al momento ne vengono utilizzati solo 3,5) derivanti dal sistema di depurazione delle acque civili e industriali gestito dalla società Gestione Impianti Depurazione Acque S.p.A. (GIDA), se la Regione o il ministero indicano la modalità di intervento per un'autorizzazione di utilizzo per diversi fini delle acque del più grande acquedotto industriale d'Italia e d'Europa.
Il sistema di depurazione ha oggi raggiunto livelli tali per cui, ogni anno, si potrebbero recuperare appunto fino a 10 milioni di metri cubi d'acqua e da tempo si sta cercando un'interlocuzione con il Ministero affinché sia individuata la possibilità di un'autorizzazione per un riutilizzo delle acque, senza però ricevere risposta.
"Per la Città di Prato poter utilizzare annualmente questa quantità di acqua sarebbe una grande opportunità che permetterebbe di risparmiare le preziose risorse idriche del territorio e la nostra esperienza potrebbe essere messa a disposizione di altre città italiane - sottolinea il sindaco Biffoni -. E' da tempo che lo suggeriamo, ma forse non eravamo stati presi in considerazione perché non c'era emergenza. Adesso è il tempo di agire, noi ci siamo".

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter